Alessandra Favaro
Consulente Grafologa
Counsellor
Cell. 349 2852457
info@alessandrafavaro.it

Cos'è la grafologia?
La grafologia è una scienza che ambisce a definire la personalità individuale per mezzo dell’analisi di uno scritto spontaneo.
La scrittura è una realtà estremamente complessa ed articolata sia per la complessità dei meccanismi neurofisiologici in essa implicati che per il coinvolgimento psichico, affettivo ed emotivo strettamente correlato ad essa.
Lo spazio bianco del foglio in cui si scrive risulta simbolicamente l'equivalente dello spazio vitale in cui ci troviamo inseriti e la modalità con la quale scrivendo occupiamo quello spazio rivela il modo con il quale in esso ci muoviamo. A partire quindi dalle forme grafiche realizzate sulla carta, risultato di un'attività originata dal cervello, ed organizzata in base alla sua struttura e alla sua esperienza, attraverso un metodo di indagine rigoroso ed oggettivo (nello specifico il metodo elaborato da Girolamo Moretti, fondatore della scuola italiana di grafologia) è possibile risalire dalla scrittura al gesto grafico sottostante, quindi alla struttura e alle dinamiche che caratterizzano in maniera unica ed irripetibile la personalità.
Il segno grafico è la sintesi dinamica dell’individuo dove convogliano tutti gli aspetti intellettivi e temperamentali ma è la combinazione dei segni grafologici che permette di cogliere il gioco complesso di interazione dei tratti di personalità che caratterizza ogni individuo nella sua differenza specifica. In altre parole è la combinazione tra la pressione esercitata sul foglio, la dimensione della grafia, l’utilizzo dello spazio, l’inclinazione e molti altri segni che il grafologo individua che permette di rilevare l’energia psicofisica, la percezione della realtà in rapporto al sentimento dell’Io, il movimento estroversivo o introvertivo del sentimento ovvero la personalità dell’individuo nei suoi aspetti intellettivi, temperamentali e relazionali.

Perché rivolgersi al grafologo?
La grafologia non si occupa solo di analisi di personalità bensì può essere impiegata anche in altri settori quali la consulenza dell’età evolutiva (compresa la sfera della rieducazione della scrittura), la consulenza famigliare (sia di coppia che dell’intera famiglia), la consulenza professionale e quella peritale.

Evolutiva: dallo scarabocchio alla scrittura. Nello scarabocchio il bambino prova il piacere del movimento, arriva allo sviluppo, alla coordinazione del movimento e della vista. Dominare il movimento significa raggiungere la maturazione psicomotoria, intellettiva e affettiva. Molti collegamenti cerebrali rimarranno stabili nel soggetto proprio in seguito alle prime esperienze di movimento e di controllo del movimento grafico. Nello scarabocchio e nel disegno il bambino sviluppa anche i prerequisiti essenziali del leggere e dello scrivere, acquista fiducia in se stesso, conquista l’esperienza della motivazione interna e sviluppa la creatività. (da Grafologia ed Età evolutiva, P. Cristofanelli – S. Lena, Ed. La Scuola, pag.9)

Familiare: la consulenza famigliare si occupa di analisi di coppia e dell’intero nucleo famigliare. E’ l’affettività e non l’intelligenza a orientare il comportamento, le motivazioni, la volontà e gli interessi. Senza dubbio l’argomento dell’affettività è alquanto complesso ma il più affascinante. Che tipo di emotività abbiamo? Siamo persone sensibili o fredde, delicate o aride, impressionabili o glaciali? Amplifichiamo la risonanza delle sollecitazioni emotive e affettive oppure restiamo impassibili? Come mai siamo attratti da un certo tipo di persona e non da un altro? Questi ed altri sono i temi affrontati in questo campo d'indagine.

Professionale: la consulenza professionale si occupa della selezione del personale, della progressione di carriera e della ricollocazione del personale all’interno di un’azienda, permettendo pertanto non solo la selezione ma la valorizzazione delle risorse umane.

Peritale: la consulenza/perizia grafica su base grafologica può essere richiesta per verificare l’autenticità di firme, testamenti, lettere anonime o di qualunque altro scritto del quale si contesta l’autenticità.

[Torna alla pagina precedente]